Questione di correttezza!

A seguito dell’informativa che il gruppo politico “Insieme per Brembate di Sopra” ha recentemente divulgato, un gruppo di rappresentanza del Comitato dei Genitori della Scuola Primaria e della Scuola dell’Infanzia (di cui viene fatta menzione al punto 3- Servizi Scolastici) ritiene precisare quanto segue:

1. la problematica sollevata a metà anno scolastico dalla nostra Amministrazione Comunale, relativa alla difficoltà di garantire per il futuro il servizio dello Scuolabus e de “Il Gattomagico” era già a conoscenza della popolazione e non è stata certamente tenuta nascosta e tanto meno rivelata da questo gruppo;

2.grazie ad un percorso di dialogo costruttivo tra Amministrazione ed i rappresentanti dei due Comitati, è stato possibile rivedere le spese di servizio e poter formulare delle ipotesi sostenibili per garantire tali servizi anche nel prossimo anno scolastico

3. in questo percorso fatto di questionari, discussioni, valutazioni, preventivi, riunioni, serate, ecc. ecc il gruppo “Insieme per Brembate di Sopra” non si è mai posto come interlocutore attivo, nè propositivo e tantomeno il gruppo di genitori dei CdG ha voluto ricercare il suo appoggio

4. l’agire dei Comitati Genitori è stato semplicemente dettato da uno spirito di “CITTADINANZA ATTIVA” per cui di fronte ad un problema comune ci si è messi a disposizione per capire quale era la difficoltà e tentare strade risolutive. Il CdG tra l’altro, essendo per statuto un’Associazione “apolitica e apartitica” non collabora con una forza politica che ha come fine il rivendicare il “successo” dell’azione in sè.

Sicuramente come gruppo di cittadini siamo rammaricati nel vedere manipolate situazioni che ci coinvolgono, con l’unico scopo di riproporre all’infinito questo gioco delle parti in cui si tenta sempre di dimostrare che “io sono il buono e l’altro è il cattivo”. Forse è proprio questa dinamica che disaffeziona il cittadino alla politica, mentre ci pare sempre più chiaro che laddove l’obiettivo è di lavorarare insieme per il bene comune, punti di incontro se ne trovano e anche soluzioni possibili, proprio come è stato in questo caso per risolvere i problemi dello Scuolabus e de “Il Gattomagico”

Testo dell’informativa pubblicato e distribuito dal gruppo “Insieme per Brembate di Sopra”:

3- ServiziScolastici: “Nel bel mezzo del Carnevale abbiamo sollevato un polverone, portando a conoscenza della popolazione, la decisione della Giunta di eliminare per il prossimo anno scolastico il servizio di trasporto e di chiudere il doposcuola. A seguito della nostra iniziativa, l’Amministrazione è tornata sui suoi passi e, in collaborazione con il Comitato dei Genitori, sono state individuate soluzioni che hanno consentito di mantenere sia il servizo di trasporto che Gattomagico (il doposcuola)”.

Abbiamo inviato questa nostra al Gruppo “Insieme per Brembate di Sopra” chiedendo la pubblicazione sul loro blog e la pubblicazione cartacea sul loro prossimo numero delle news.

Firmato

Il Presidente del CdG IC Brembate di Sopra, sig.a Barbara Mazzoleni

Il Presidente del CdG Scuola dell’Infanzia Brembate di Sopra, sig.a Barbara Battazza

Il gruppo rappresentanza dei CdG che si è impegnato in questa problematica

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Questione di correttezza!

  1. STEFANO IMI scrive:

    Gentili presidenti e membri del Comitato genitori,
    anzitutto lasciatemi esprimere il mio rammarico in quanto non mi spiego il vostro disappunto. Andiamo con ordine.
    Il compito dei consiglieri di minoranza è quello di controllare l’operato dell’Amministrazione e dare il proprio contributo.
    Nello specifico l’Amministrazione aveva DELIBERATO (con deliberazione di GIUNTA COMUNALE) n. 4 del 17.01.2013 quanto segue (citazione testuale)
    “DELIBERA DI
    3) Non confermare l’attivazione dei servizi di trasporto scolastico a decorrere dall’anno scolastico 2013/2014 per le motivazioni illustrate in premessa.
    4) Dare atto che il servizio pomeridiano denominato “Gattomagico” sarà riorganizzato e riattivato a cura del Settore Servizi Sociali, in collaborazione con le varie agenzie del territorio che hanno cura dei soggetti più fragili (Comune, Oratorio, Scuola, Associazioni di volontariato), sulla base delle reali situazioni che si presenteranno”.

    Vedete noi non possiamo sapere cosa i nostri amministratori vanno dicendo… ci dobbiamo fidare di quanto vanno DELIBERANDO e siccome gli atti pubblici non sono fatti per scherzo, almeno presumiamo, abbiamo ritenuto importante INFORMARE quante più persone possibile di queste DECISIONI.
    Ripetiamo, quanto si delibera in Giunta è quello che si è deciso di fare… non ci sono altri passaggi… eventualmente i passaggi vanno fatti PRIMA DI DELIBERARE…
    Quindi ci pare fino qui di non aver fatto nulla di male; ovviamente lo abbiamo segnalato evidenziando la nostra contrarietà alla decisione, che abbiamo anche manifestato mediante una interrogazione in Consiglio Comunale (tutti i documenti sono rinvenibili sul sito)
    L’amministrazione ha risposto in data 05.06.2013 (dopo 75 giorni…), informandoci del percorso effettuato con il Comitato genitori e delle soluzioni individuate.
    Anche in questo caso non ci siamo presi nessun merito né abbiamo strumentalizzato alcunché… abbiamo semplicemente dato notizia di quanto avvenuto: riporto testualmente quanto contenuto nel nostro bollettino: “A seguito della nostra iniziativa, l’Amministrazione è tornata sui suoi passi e, in collaborazione con il Comitato dei Genitori, sono state individuate soluzioni che hanno consentito di mantenere sia il servizio di trasporto che Gattomagico (il doposcuola)”.
    Noi non possiamo sapere quello che gli amministratori dicono né tantomeno quello che pensano, ci atteniamo ai fatti, e i fatti dicono che l’Amministrazione è tornata sui suoi passi CAMBIANDO DECISIONI CHE ERANO STATE GIA’ ASSUNTE.
    L’amministrazione ha quindi avviato un percorso di confronto costruttivo con il Comitato genitori individuando le soluzioni opportune. Di questo abbiamo dato conto e ce ne rallegriamo.
    Come voi scrivete “in questo percorso fatto di questionari, discussioni, valutazioni, preventivi, riunioni, serate, ecc. ecc il gruppo “Insieme per Brembate di Sopra” non si è mai posto come interlocutore attivo, né propositivo e tantomeno il gruppo di genitori dei CdG ha voluto ricercare il suo appoggio. L’agire dei Comitati Genitori è stato semplicemente dettato da uno spirito di “CITTADINANZA ATTIVA” per cui di fronte ad un problema comune ci si è messi a disposizione per capire quale era la difficoltà e tentare strade risolutive. Il CdG tra l’altro, essendo per statuto un’Associazione “apolitica e apartitica” non collabora con una forza politica che ha come fine il rivendicare il “successo” dell’azione in sé”
    In merito a questo mi permetto di dissentire. Come gruppo pensiamo anzitutto di aver dato il nostro contributo nel cambiare l’orientamento di scelte amministrative già ASSUNTE: questo è quello che rivendichiamo, non “il successo dell’azione in sé”, come voi scrivete.
    Quanto alla partecipazione al percorso fatto, riteniamo un limite il fatto di non considerarci come un interlocutore circa la vita e le scelte che riguardano il paese; di questo ci siamo lamentati per un anno con l’attuale amministrazione, chiedendo maggiore coinvolgimento.
    Noi siamo disponibili a farlo e di per sé siamo anche TITOLATI A FARLO DAL MANDATO RICEVUTO DAI NOSTRI ELETTORI. Che altro modo abbiamo altrimenti di dare il nostro contributo alla vita e al governo del paese?
    Il fatto che il Comitato genitori non ritenga di interpellarci o di considerarci ci dispiace molto.
    Condividiamo la scelta di essere “apartitici” che però, a nostro parere, non significa NON intrattenere rapporti con le forze politiche del territorio, altrimenti non ci spieghiamo come mai il Comitato genitori dialoghi tranquillamente (giustamente noi diciamo) con il partito della Lega Nord che governa il paese…
    Se si dialoga con la maggioranza, nell’interesse del paese si può dialogare anche con il gruppo di minoranza, vi pare?
    Nessun intento manipolatorio quindi, ci scusiamo se è stato recepito in questo modo, abbiamo solo voluto raccontare i fatti, dando atto del percorso fatto dall’Amministrazione e dal Comitato genitori. Tra l’altro in nessun passaggio del nostro scritto si critica o si mette in discussione il ruolo svolto dal Comitato, né ci si prende il merito di aver trovato delle soluzioni (merito che spetta al Comitato e all’Amministrazione). Quindi fatichiamo molto a capire di cosa si rammarichi il Comitato; se disappunto ci deve proprio essere, al massimo lo dovrebbe manifestare la maggioranza, nell’eventualità che volesse smentire un nostro “merito” nel loro CAMBIO di idea sulla questione…
    Quanto alla disaffezione alla politica crediamo proprio che derivi da questa idea un po’ bislacca che si debba dialogare solo con chi governa e che chi la pensa diversamente è un disfattista, un opportunista e che se si parla con la maggioranza va tutto bene mentre se si coinvolge l’opposizione allora si “politicizza”…
    Come gli amministratori di maggioranza, anche noi abbiamo un’ idea di come gestire il paese, minoritaria ovviamente, ma non necessariamente sempre e per forza sbagliata.
    In questo caso per esempio… noi NON avremmo fatto una delibera in cui DECIDEVAMO la chiusura di due servizi, se avessimo voluto davvero affrontare le questioni attraverso un percorso partecipato. Avremmo chiamato PRIMA DI DELIBERARE scuola e genitori e con loro avremmo affrontato la questione…
    Speriamo quindi che ci siano altre occasioni in futuro per una proficua collaborazione che veda maggioranza e minoranza, genitori, associazioni, parrocchia, tutti impegnati per il bene del paese, nel rispetto della diversità di opinioni e vedute.
    Ringraziamo e salutiamo

    Ho pubblicato la vostra lettera sul nostro blog. Difficilmente potremo pubblicarla sul nuovo bollettino in quanto, facendolo a nostre spese, lo pubblichiamo una volta l’anno e tra un anno speriamo di avere altre notizie da pubblicare!
    Chiediamo che diffondiate questa nostra a tutti coloro cui avete trasmesso la lettera che ci avete inviato.

    Stefano Imi, Gennaro Esposito, Loretta Rota Sperti